Tag <span class=relazioni" src="https://www.elenadacrema.com/wp/wp-content/uploads/2014/08/cropped-ele-4.jpg">

Tag relazioni

I Social Network aiutano gli adolescenti?……

Elena Dacrema 11 Aprile 2015 Tag:, , , , , , , Blog
featured image

Da quando si sono diffusi i Social Network, gli adolescenti utilizzano sempre più queste tecnologie per comunicare con gli altri ed avere informazioni sulle altre persone nell’ambito della loro rete sociale.

Le motivazioni che spingono adolescenti e giovani adulti ad utilizzare i Social Network sono le stesse motivazioni che solitamente spingono ad usare le tradizionali forme di comunicazione: stare in contatto con gli amici, fare progetti insieme, cercare di conoscere meglio le persone, presentarsi agli altri….dare una propria immagine di sè ..

L’adolescenza è un periodo della vita in cui il compito di sviluppo fondamentale è proprio quello di trovare un equilibrio tra l’autonomia  e la dipendenza dagli altri. Internet e i Social Network sono contesti nuovi per riflettere sulla propria identità e per sperimentarne nuove forme, per imparare e tentare di mettere in atto nuove competenze sociali e per sentirsi parte di un gruppo.

Da certi punti di vista Internet, anche se è una forma di comunicazione diversa da quelle precedenti, facilita e forse intensifica i compiti di sviluppo degli adolescenti. Ad esempio, aumenta le occasioni di relazioni tra pari, allarga le opportunità di far parte di gruppi e aumenta le possibilità di confidarsi e aprirsi agli altri quindi, per certi versi, può contribuire al benessere dell’adolescente. Inoltre, soprattutto adolescenti con buone abilità sociali beneficiano dell’utilizzo di Internet. Ovviamente,

ogni pregio rovesciato su se stesso diventa un difetto e

ogni difetto rovesciato su se stesso può diventare un pregio…

quindi ci sono alcuni fattori di rischio nell’utilizzo dei Social: un’eccessiva tendenza, quasi una pressione, a par vedere  e condividere la propria vita privata, fattore che aumenta la possibilità di avere feedback negativi dagli altri ed aumenta la possibilità di stabilire confronti “malsani”, ad esempio con modelli estetici o stili di comportamento da evitare.

In ogni caso, possiamo concludere che i Social non sono di per sè qualcosa di negativo, tutto dipende dall’uso che ne viene fatto.

 Il testo è tratto dai i risultati di questo articolo:

Lauren A. Spies Shapiro, L. A. & Margolin, G. (2014). Growing Up Wired: Social Networking Sites and Adolescent Psychosocial Development. Clinical Child and Family Psychology Review. 17:1–18

Ho difficoltà sociali….e in coppia ???

Elena Dacrema 2 Marzo 2015 Tag:, , , , Blog
featured image

 

L’amore è per i coraggiosi, tutto il resto è coppia

Barbara Alberti
 

Mi sembra molto interessante, per comprendere i meccanismi di funzionamento individuali giocati all’interno della coppia, un articolo di Eliora Porter and Dianne L. Chambless dell’Università della Pennsylvania (J. Clin. Psychol. 70:546–561, 2014).

Queste studiose hanno indagato se l’ansia sociale  (timore del giudizio e rifiuto altrui, scarsa autostima, ansia generalizzata nelle situazioni sociali) fosse correlata alla SODDISFAZIONE, AL SUPPORTO SOCIALE, ALL’INTIMITA’ nelle relazioni di coppia.

L’ansia sociale o fobia sociale è un disturbo severo che nel DSM IV (APA, 1994) fa parte dei DISTURBI D’ANSIA e i sintomi riguardano difficoltà nei rapporti interpersonali: chi ha questo problema costruisce reti sociali più piccole, ha pochi amici stretti, si sposa meno facilmente….

E’ chiaro che una difficoltà interpersonale provochi delle difficoltà nelle relazioni di coppia ma, prima di questo studio, le ricerche erano più frequentemente basate solo su uno dei membri della coppia, che probabilmente sovrastimava la propria difficoltà nella performance sociale.

E’ quindi stata condotta, da queste studiose, una ricerca su studentesse universitarie (circa 310) e sui loro partner (circa 203) ed è stato riscontrato che nelle donne livelli più elevati d’ansia a livello sociale erano in relazione ad una minore soddisfazione nella coppia (ciò invece non è stato riscontrato negli uomini), inoltre queste stesse donne sperimentavano fatica  a mostrarsi  “a carte scoperte” con il compagno, rispetto a donne con basso livello d’ansia.

Il paradosso è che queste donne socialmente ansiose dicevano di volere poco supporto ma questa mancanza probabilmente provocava a sua volta anche una mancanza di soddisfazione nella coppia stessa.

In entrambi i sessi, comunque  una più elevata ansia era correlata al fatto di percepire l’intimità come un rischio.

Si puo’ pensare che i risultati di questa ricerca purtroppo mostri come l’ansia/fobia sociale sia associata anche a difficoltà interpersonali anche in relazioni di coppia consolidate, quindi se ne deduce, a mio avviso, che è importante intervenire adeguatamente sul singolo per modificare la percezione e reazione nei confronti degli altri che la persona con questo tipo di problema assumono.

American Psychiatric Association. (2000). Diagnostic and statistical manual of mental disorders (4th ed., text rev.). Washington, DC: Author
 Porter, E. & Chambless D. L. (2014). Shying Away From a Good Thing: Social Anxiety in Romantic Relationships. Journal of Clinical Psychology,  70, 546-561.